Sei in:Home/ Farmaci/I Farmaci Generici

I Farmaci Generici





Cosa sono:

In generale i farmaci sono coperti dal brevetto posseduto dalla casa farmaceutica che ha sviluppato il farmaco.
Questo significa che può essere prodotto solo da chi ne detiene i diritti e chiunque altro lo faccia, tramite accordi commerciali tra le case farmaceutiche, deve pagare i diritti a chi ha la proprietà del brevetto.
Questo purtroppo contribuisce a tenere alti i costi dei farmaci.
Dopo un certo numero di anni il brevetto finalmente scade e quando ci sono dei farmaci non più coperti da brevetto, questi possono essere prodotti da più case farmaceutiche senza che queste si trovino a dover pagare i diritti su di essi: questi farmaci vengono detti "generici" perchè non hanno più il nome commerciale del farmaco di partenza ma vengono denominati in base al principio attivo che li costituisce ed ovviamente costano meno, attivando una forma di concorrenza che in qualche modo riesce a calmierare i prezzi e rende il farmaco finalmente più accessibile.

Quanto costano:

Il SSN, essendo interessato a ridurre la spesa pubblica, incentiva l'uso dei farmaci generici: in base alla normativa attualmente vigente nella regione Lazio che ha reintrodotto il pagamento del ticket farmaceutico sui farmaci di marca, non è dovuto alcun ticket per l'acquisto dei farmaci generici che si trovino in fascia A; per quelli in fascia C, che restano comunque a pagamento, il costo è generalmente più basso dei rispettivi farmaci di marca.
Inutile dire che vale la pena di acquistare i farmaci generici quando possibile.

Come richiederli:

Attualmente la normativa nella Regione Lazio permette al farmacista di cambiare il farmaco di marca con il corrispettivo generico se gli viene richiesto dal cliente, oppure può esso stesso consigliare di fare il cambio, visto che normalmente è più economicamente conveniente per il cittadino. Da notare che se sulla ricetta del medico prescrittore c'è apposta la dicitura "NON SOSTITUIBILE", allora il farmaco non può essere sostituito dal farmacista neanche se si tratta esso stesso di un generico, in questo ultimo caso deve essere consegnato al cliente il generico della stessa casa produttrice richiesta dal medico prescrittore.